Attraversare
strade, selve, rapporti, fasi.

Percorrere le zone grigie della mente,
le zone incerte, aperte,
quelle poco esperte.

AttraversaMenti.

Attraversare il mare.
Ovvero le inquietudini più oscure dentro un oceano di sale.

Attraversare i conflitti, quelli intrisechi all’anima,
che si confondono con i vortici che sanno di acqua salmastra,
e aspirano e inghiottono, non lasciano scampo.

Ci sono venti-mila leghe da attraversare, sotto i mari.
Sopra: venti-secchi e gelidi di maestrale.
Raffiche da nord-ovest di certo non benevoli, polari.

Attraversare ponti,
distese, incroci, strisce pedonali…

Quante percorsi ancora da attraversare!
Quanti attraversamenti
da affrontare attraverso una scelta,
ovvero attraverso il verso di una indicazione.

…Sì, ma quale scelta e quale direzione?

Già ti immagino arrivare.
Sono certa che verrai a promettermi il tuo GPS saltellitare,
perché il mio –l’hai visto – ha quasi smesso di funzionare.

Grazie, ma preferisco attraversare da sola.

Non raccontarmi più le favole del tuo braccio provvidenziale per oltre-passare.
Ho già attraversato tutti i miei dedali prima di te, molte vite fa.

Ora me ne aspetta un altro da passare, più consapevole, più maturo,
senza la tua bussola o briciole di Pollicino sul percorso – questo è il mio augurio;
piuttosto con passo più convinto, più deciso e più sicuro.

Attraversare. AttraversaMenti.

(Lecce, luglio 2020)

Milano-Novara. In cammino con Chris e Marta per il progetto #Marta4Kids – Aprile 2016

Share This:

AttraversaMenti
Tag:         

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »