Ho il ritorno del porcino.
Il piacere peccaminoso
graffia ancora le corde del tuo violino;
del nostro violino
come unghia sulla schiena.

Il piacere di ascoltarti
rendere omaggi alle disparate lettere disperate
e ossequiose, Foucaultiane,
alle 2 del mattino.

Non è tardi.
È ancora troppo presto per andare a dormire.

(Lecce, novembre 2006)

Share This:

Il ritorno del porcino
Tag:         

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »