“È Logico! È logico!”
Ma poi cos’è logico in tutto ‘sto processo storico?

Quale logica apparente accompagna i pensieri della gente?
le parole e i comportamenti, anche quelli più banali, più evidenti?

Non trovo alcuna logica nella richiesta:
a volte ci vuole tutta la vita per darsi una risposta.

Ah, e poi perché solo ciò che piace, si dice
che duri sempre troppo poco!?
Ci regala un guizzo, ci da pace.
Ma poi brucia come miccia, benzina al fuoco.

Non c’è rimedio, non c’è sfogo al mio tormento.
Brucio come fiamma ardente
di chi attende impaziente un facile espediente,
per mascherare un viso senza sorriso e un’anima struggente.

Serro allora le mani e gli occhi e mi rivolgo alla mia fata ignorante,
inaccessibile, sfuggente, sarà pure un passo inconcludente
ma me ne frego sprezzante dei giudizi della gente
che cerca di odiarti evidentamente sputando veleno,
ma nascondendosi -solo- dietro un velo apparente.

La sola verità che io conosca solamente
è la tenacia unita alla speranza
di chi spera in un futuro più solido, più vero
con la stessa intraprendenza
di chi è pronto a ripartire da zero, sul serio.

Una speranza che mi tiene appesa
ad un filo che si assottiglia,
che non mi lascia più il respiro,
soffocato da tutta ‘sta poltiglia.

Una fiamma ancora accesa – che non si spegne
una linea tesa che non molla la presa – e porta rogne.

Sono un’anima offesa, una con tante lagne
ma pur sempre in attesa,
di un’occasione che mi tiene sospesa e non cedo,
ma credo – nel percorso in cui procedo in positivo,
per quanto mi sovrasta tutt’attorno di così nocivo.

E qui non si scherza, non si ride.
Ché già per arte e per amore ci si arrende al passivo
e poi lentamente ci si uccide.

(San Vito dei Normanni, BR, maggio 2003)

Share This:

Logica apparente
Tag:         

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »