di Vincenza Lofino | edito da: BloGlobal, OPI – 22 novembre 2012

 

Siamo stati abituati a ragionare su un’umanità divisa in un miliardo di ricchi e cinque miliardi di poveri, ma questa è la sintesi di una concezione superata. Il Terzo Mondo, in realtà, si è rimpicciolito. La maggior parte di quei cinque miliardi di persone, circa l’80% della popolazione mondiale, vive in Paesi in fase di crescita e ha già imboccato la strada giusta verso lo sviluppo. La vera sfida invece è costituita dalla presenza di un ultimo miliardo di persone rimaste inchiodate al fondo. “Dobbiamo – perciò – imparare a invertire le cifre”.

L’ultimo miliardo si concentra in almeno 58 Stati, quasi tutti in Africa e in Asia Centrale, che l’autore identifica chiamandoli “Africa+”: l’insieme di quei Paesi agli ultimi gradini del sistema economico globale che si distinguono perché non seguono lo schema dello sviluppo della maggior parte dei Paesi cosiddetti emergenti. Il loro reddito è calato del 5% persino durante gli anni Novanta, considerati, con il senno di poi, come il decennio d’oro tra la fine della Guerra Fredda e l’11 settembre.

Nel 2050 – spiega l’autore – il divario di sviluppo non separerà più il miliardo di ricchi dai cinque miliardi dei Paesi in via di Sviluppo (PVS), ma l’ultimo miliardo in trappola dal resto dell’umanità, persino da Paesi come India, Cina e altri dell’Asia e dell’America Latina.

Le ragioni sono da individuarsi in quattro tipi di “trappole”: la trappola del conflitto che sposta le voci di spesa interna dal welfare agli armamenti; la trappola delle risorse naturali, dove spesso sono i contesti ricchi di materie prime ad essere devastati dall’ingordigia degli investimenti stranieri; la trappola della mancanza di accessi diretti al mare unita alla presenza di Paesi limitrofi poco inclini al fair play diplomatico; infine la trappola del cattivo governo, della corruzione e delle oligarchie.

L‘indagine di Collier fa cadere uno dopo l’altro numerosi muri mentali: dalla logica del sistema tradizionale degli aiuti gestito dalle agenzie accusate di fare del comodo “business dello sviluppo”, alla retorica della filantropia spettacolarizzata, fino ad arrivare alle teorie liberiste e ai limiti ideologici diffusi dai think tanks progressisti.

L’autore propone al contrario nuove linee di politiche d’intervento adeguate, orientate ad un nuovo approccio “trasversale” (whole-of-government approach) in grado di condurre all’eliminazione vera e urgente della povertà, rivolgendosi direttamente ai governi che costituiscono il G8, invitandoli a mantenere alta la guardia su “Africa+” e dettandone con intelligente ambizione l’agenda operativa.

 

Scheda tecnica:

Titolo: L’ultimo miliardo
Sottotitolo: Perché i Paesi più poveri diventano sempre più poveri e cosa si può fare per aiutarli
Autore: Paul Collier
Editore: Editori Laterza
Anno di pubblicazione: 2009 per la collana Economica Laterza
Titolo dell’edizione originale: The Bottom Billion. Why the poorest countries are failing and what can be done about it – Oxford University Press, New York Oxford – Paul Collier – 2007

 

Share This:

L’ultimo miliardo – Perché i Paesi più poveri diventano sempre più poveri (book review)

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »